15 cose interessanti sul Giro d’Italia

15 cose interessanti sul Giro d’Italia

La gara ciclistica più bella del mondo non regala soltanto emozioni agli sportivi, ma curiosità e storie per tutti gli appassionati

Il Giro d’Italia è sicuramente una delle corse più avvincenti, famose e longeve del mondo. Abbiamo superato il traguardo delle 100 edizioni e ogni anno, da ben 106 anni – considerando le ovvie interruzioni nei periodi di guerra – il Giro ci regala emozioni e sorprese. Chi non ha mai visto almeno una tappa del Giro, non ha fatto il tifo per i nostri campioni o non ha scommesso almeno una volta sulla maglia rosa, magari usufruendo del bonus di benvenuto su SportPesa?

La storia di questa incredibile competizione infatti è ricca di aneddoti, misteri, curiosità ed eventi che resteranno per sempre nella memoria non soltanto degli sportivi.

Per questo vogliamo raccontare 15 fatti interessanti sul Giro d’Italia. Vediamoli insieme.

1. Partiamo dall’inizio: il primo Giro d’Italia. La prima edizione si svolse nel 1909 e contava soltanto 8 tappe, in tutto circa 2.500 chilometri, e 127 corridori.

2. La prima tappa assoluta partì ovviamente da Milano, precisamente in piazzale Loreto, e fu vinta dall’allora dominatore del ciclismo nostrano, Luigi Ganna. Un premio non da poco, per l’epoca, anche se oggi ci strappa un sorriso: 5.325 lire.

3. Se contiamo tutte le edizioni del Giro d’Italia, il numero dei partecipanti totale è davvero impressionante: 4.968 corridori, poco più della metà italiani.

4. Continuando a fare i conti in tasca al Giro, sono quasi 350 mila i chilometri totali percorsi sommando tutte le edizioni, più o meno la distanza che separa la Terra dalla Luna.

5. Il vincitore più giovane del Giro, nelle sue 101 edizioni, è stato il mitico Fausto Coppi, che nel lontano 1940 conquistò gli italiani e la sua prima vittoria all’età di 20 anni, 8 mesi e 25 giorni.

6. Il vincitore più anziano è stato invece Fiorenzo Magni, che a 34 anni, 6 mesi e 29 giorni conquistò la vittoria nel 1955.

7. Chi ha vinto più tappe nella storia del Giro d’Italia? Facile, il nostro super Mario Cipollini: 42 tappe in 14 edizioni. Se invece consideriamo il numero di tappe vinte nella stessa edizione del giro, il titolo va ad Alfredo Binda, con 12 titoli, di cui 8 consecutivi.

8. Nell’edizione del 1928 il Giro vide il primato di corridori iscritti, con 298 partecipanti.

9. Il record negativo di partecipanti spetta all’edizione del 1912, dove i ciclisti impegnati nella corsa furono soltanto 56.

10. Un altro primato negativo va alla corsa che si tenne due anni dopo, perché nel 1914 arrivarono al termine della competizione soltanto 8 corridori.

11. Il Giro d’Italia più lungo fu quello del 1954, quando la corsa partì da Palermo per arrivare a Milano: 4.337 chilometri sui pedali.

12. Il Giro d’Italia più corto fu proprio il primo, con 245 chilometri.

13. Tappa più lunga e tappa più corta: la prima fu quella del ’14 che dalla città di Lucca portò i corridori fino a Roma (parliamo di 430 chilometri), mentre la più corta ne contava appena 31, ovvero da Sanremo a San Romolo, sempre il Liguria.

14. Il primo duemila metri nella storia del Giro d’Italia è il Sestriere, con il passaggio nel 1911 di Ezio Corlaita.

15. Parliamo di vittorie: considerando soltanto quelle individuali, il primato è saldo in mano all’Italia, con 135 tappe vinte, segue il Belgio con 154, la Spagna con 100 e la Francia con 59.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *